Mentre C. è online io scrivo. E cancello…

“Ti amo – ti odio. Mi manchi – e basta.
Chissà a chi scrivi chissà con chi parli chissà chi abbracci prima di dormire chissà se ancora ti ricordi di me chissà se mi amavi chissà se mi ami chissà se mi senti chissà se ti manco chissà se stai guardando il golf pensando a quando io dormivo al tuo fianco chissà se lo senti che ti sto scrivendo. Chissà chissà chissà chissà chissà. Chissà perché io vorrei che tu venissi qui in questi mio nuovo qui dove tu non sei che una piccola foto che non riconosco chissà se hai messo le porte chissà se ricordi che profumo ho chissà se hai mai avuto voglia di sentire la mia voce chissà se stai scrivendo a un’altra le stesse cose che scrivevi a me chissà se lei le prova le stesse cose che provavo io per te chissà perché poi hai voluto farmi un male che mi ha ucciso – dentro – per sempre, chissà se pensi che io me lo meritassi, tutto quel male, chissà se mi sogni chissà se ricordi il suono della mia voce chissà se ricordi Amsterdam e le finestre illuminate chissà se ricordi il corridoio dell’albergo di Vienna, chissà se ricordi come ridevo, e uso il passato perché ormai non rido più da parecchio, chissà se hai trovato ancora cose mie, in giro, chissà se chiudi mai gli occhi pensando a cosa avevamo, chissà se pensi che avessimo qualcosa, chissà se. Chissà”

Annunci

“E ora che non ci sei più è il vuoto ad ogni gradino”

«Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.
Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue»

Eugenio Montale